Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

13
Gio, Mag
Advertisement

Mancano gli etilometri

Sicurezza
Tipografia

Centinaia sono in attesa di revisione
Etilometri strumenti fondamentali per contrastare l’ubriachezza alla guida. Ma secondo un monitoraggio dell’Asaps, l’Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale, centinaia sono fermi da mesi nei laboratori autorizzati, in attesa della revisione annuale: a Roma presso il CSRPAD, Centro Superiore Ricerche Prove Autoveicoli e Dispositivi e a Milano al Centro Prove Autoveicoli.

Quindi solo la metà dei circa 1.000 etilometri in dotazione alla Polizia Stradale sarebbero utilizzabili e funzionanti.

Ecco le amare riflessioni di Giordano Biserni, presidente Asaps: ci risulta che le Polizie da mesi sarebbero in forte penuria di strumenti, con interi territori sprovvisti o con un numero assai limitato con agenti costretti a prestarsi l’etilometro o a chiedere aiuto ad altri organi di polizia. Continui guasti ai banchi-prova CSRPAD hanno costretto ad utilizzare anche il CPA di Milano.

La situazione secondo l’associazione mette in pericolo il lavoro di contrasto per evitare morti e feriti sulle strade, dove nel 2015 non è stato possibile conoscere con certezza quanti siano gli incidenti alcol-correlati, perchè l’Istat ha eliminato da tempo questo dato. In mancanza di numeri ufficiali, l’Osservatorio Asaps sulla Pirateria stradale stima che oltre il 23% degli episodi mortali dei primi 8 mesi 2016 siano da imputare alla guida in stato di ebbrezza.

Possono gli artificieri disinnescare ordigni senza strumentazioni idonee? Possono le forze dell’ordine svolgere una attività di prevenzione e repressione in un momento in cui torna ad aumentare il traffico sulle strade? Cosa possono fare gli organi di polizia di fronte ai nuovi reati di omicidio stradale e lesioni personali stradali, se per accertare l’ebbrezza mancano gli etilometri? Occorrerà riempire i Pronto Soccorsi cittadini per sottoporre ad esami migliaia di automobilisti? Biserni lancia una proposta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: numeri certi sugli etilometri fermi e tempi più celeri di revisione, con più addetti, nuove apparecchiature e una modifica del Decreto Ministeriale che permetta revisioni biennali. La sicurezza stradale non può andare in manutenzione straordinaria!

 

Cosa dice la legge

Gli etilometri devono essere sottoposti annualmente a verifica e prova, con esami specifici e ad altissima tecnologia: il Decreto Ministeriale 22-5-1990, n. 196 regola anche le procedure per l’accertamento dello stato di ebbrezza, mediante l’analisi dell’aria espirata. Come previsto dagli articoli 186 e 186 bis del Codice della Strada, chi guida sotto l’influenza dell’alcool, salvo che il fatto non costituisca reato più grave, è punito con una sanzione amministrativa da 500 a 2.000 euro e sospensione della patente da 3 a 6 mesi in caso di guida con tasso alcoolemico tra 0,5 e 0,8 g/l (grammi/litro); da 800 a 3.200 euro, arresto fino a 6 mesi e sospensione della patente da 6 mesi a 1 anno, se il tasso alcoolemico è oltre 0,8 ma non superiore a 1,5 g/l; da 1.500 a 6.000 euro, arresto da 6 mesi a 1 anno e sospensione della patente da 1 a 2 anni se il tasso alcoolemico supera 1,5 g/l. La guida in stato di ebbrezza o alterazione può causare reati connessi a omicidio stradale e lesioni personali (art. 598-bis e ter – art. 590-bis, ter e quater), vedi Ecomobile n. 124.

 

Da Aci arriva il tombino intelligente

L’Automobile Club d’Italia sperimenterà a Roma un sistema di monitoraggio dei punti di raccolta dell’acqua piovana, individuando le criticità prima che creino emergenze e disagi alla circolazione.

Nel sistema brevettato e sviluppato da ACI Consult – società del gruppo ACI specializzata in servizi per l’ambiente e la mobilità – in collaborazione con aziende coordinate dal CNR, i tombini diventano intelligenti con un sensore che legge il livello dell’acqua sottostante, un relè antimanomissione, un microprocessore che elabora le informazioni e le trasmette tramite una piccola antenna integrata sotto la griglia al Centro operativo. Questo, gestito da ACI, raccoglie i dati georeferenziati provenienti da tutti i tombini creando una mappa sempre aggiornata.

Il sistema ha superato in laboratorio tutte le fasi di test – spiega Riccardo Colicchia, direttore ACI Consult – e siamo pronti a lanciare la sperimentazione in città. Il XIII Municipio di Roma ha manifestato interesse e nell’ambito di un accordo già siglato con il Comune Roma Capitale saranno installati i primi tombini intelligenti.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS