Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

26
Mar, Gen
Advertisement

Con due eventi - 1° Green Prix Città di Merate il 10 e 11 ottobre e 1° Valtellina Ecogreen il 24 e 25 ottobre - e quattro gare si conclude il Campionato Italiano Green Endurance 2020, ridimensionato nei programmi iniziali a causa della pandemia Covid19.

Vincono il Campionato Italiano Green Endurance 2020 Cesare Martino e Francesca Olivoni a bordo della Seat Leon a biometano dell’Etruria Racing.

Disputato sabato 10 e domenica 11 ottobre il 1° Green Prix Città di Merate, primo appuntamento della terza edizione del Green Endurance, Campionato Italiano Energy Saving riservato alle vetture ecologiche alimentate con energie alternative e rinnovabili.

La competizione di regolarità, organizzata da ACI Sport, ha la finalità di promuovere anche in ambito sportivo la mobilità sostenibile, oltre che far conoscere al pubblico le tecnologie green applicate alla mobilità e modelli e propulsioni disponibili sul mercato.

Debutta ad agosto il primo monomarca rally per vetture elettriche: la Formula Opel/Lotus fu la prima categoria con motori catalizzati; alla Opel Kadett GSi 16V la prima vittoria “catalizzata” in un rally.

Uefa Euro 2020 si svolge attraverso tutto il continente. Per la prima volta, per festeggiare il 60° anniversario dei Campionati Europei e lasciare un’eredità dopo il torneo, il presidente
Aleksander Ceferin ha annunciato che verranno piantati 50.000 alberi in ognuna delle 12 città ospitanti.


Inoltre UEFA, firmataria dell’Iniziativa Sports for Climate Action, investirà in progetti di energia rinnovabile gold standard in partnership con la società di consulenza South Pole per compensare le stimate 405.000 tonnellate di carbone prodotte dai viaggi di tifosi e staff UEFA per andare alle partite dell’Europeo.
Uefa Euro 2020 – ha dichiarato Ceferin – è una celebrazione del calcio europeo che garantisce molti benefici. Oltre a portare le partite a diverse comunità di tutta Europa, non vi è necessità di
costruire nuovi stadi o reti di trasporto, che comportano un enorme costo ambientale. Ma c’è anche un costo, con maggiori viaggi per tifosi per seguire la loro squadra: Uefa prende seriamente la sua responsabilità ed è giusto compensare le emissioni di anidride carbonica causate. Lavorare con South Pole aiuterà a costruire progetti per energia rinnovabile gold standard, un valore aggiunto duraturo per il pianeta.

Altri articoli...