Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

27
Dom, Nov
Advertisement

Audi RS Q e-tron: alla Dakar 2023 con emissioni di CO2 ridotte del 60%

Sport
Tipografia

Sin dal debutto alla Dakar, avvenuto a gennaio 2022, Audi RS Q e-tron ha definito i nuovi standard di efficienza e competitività della propulsione elettrica nel motorsport. Ora Audi si spinge oltre: i tre prototipi full electric con range extender al via dell’edizione 2023 della Dakar, in calendario dal 31 dicembre al 15 gennaio, utilizzeranno per la prima volta un innovativo carburante rinnovabile.


"La strategia di decarbonizzazione Audi - afferma Oliver Hoffmann, Membro del Board per Lo sviluppo tecnico di AUDI AG - è basata principalmente sull'introduzione di un'ampia gamma di vetture full electric certificate carbon neutral e sul ricorso sia alle fonti rinnovabili sia al ciclo chiuso dei materiali. A complemento di questo, i carburanti rinnovabili offrono la possibilità di alimentare in modo sostenibile i motori a combustione interna. Audi RS Q e-tron è l'emblema di questo approccio e ora abbina la propulsione elettrica al ricorso a un innovativo carburante green".

Come è alimentata Audi RS Q e-tron

Per ridurre le emissioni di anidride carbonica, la Casa dei quattro anelli si affida a prodotti a base di residui vegetali, privi d'impatto sulla filiera alimentare, ottenuti convertendo la biomassa in etanolo e successivamente raffinando i semilavorati. Il carburante finale è denominato ETG (ethanol-to-gasoline).

Il contenuto del serbatoio di Audi RS Q e-tron E2 è costituito all'80% da componenti sostenibili, tra cui ETO ed e-metanolo. Questa miscela di carburanti è destinata ad alimentare il range extender che ricarica la batteria durante la marcia. Una funzione affidata al performante quattro cilindri TFSI - turbo a iniezione diretta della benzina - di derivazione DTM, il Campionato Tedesco Turismo.

Il concept tecnico del prototipo Audi ora si avvale di una benzina sostenibile, grazie alla quale si riducono del 60% le emissioni di anidride carbonica rispetto all'utilizzo di un carburante da competizione tradizionale.

Il reFuel Audi è conforme alle specifiche dei regolamenti FIA e ASO. Le caratteristiche chimiche sono simili a quelle delle benzine a 102 ottani disponibili in commercio, un valore così elevato favorisce le proprietà antidetonanti della miscela aria-carburante. Grazie a quest'innovativa soluzione, il motore a combustione può contare su di un'efficienza lievemente superiore rispetto all'alimentazione mediante benzina di origine fossile.

L'elevato contenuto di ossigeno caratteristico del reFuel Audi riduce la densità energetica del carburante, motivo per la quale Audi RS O e-tron E2 è dotata di un serbatoio più grande rispetto alla precedente generazione. Ciò non conferisce alcun vantaggio regolamentare: i misuratori di portata del carburante rilevano inoltre il consumo d'energia, così che tutti i competitor godano di pari opportunità.

Da oltre quarant'anni, la Casa dei quattro anelli sviluppa soluzioni avanguardistiche nelle competizioni per poi destinarle alla produzione di serie: un approccio condiviso dalla costruzione con materiali leggeri, dai gruppi ottici a LED, dai proiettori con tecnologia laser e da molteplici innovazioni che hanno dovuto dimostrare di essere all'altezza in gara prima di approdare alla strada.

Ora il brand amplia questo approccio ai reFuels, grazie ai quali i motori a combustione e i propulsori ibridi possano contribuire efficacemente alla riduzione dei gas a effetto serra.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS