Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

23
Lun, Lug
Advertisement

GPL e metano per veicoli diesel leggeri con la centralina d-gid Light

Tecnica
Tipografia

Conversione delle auto diesel in mezzi dual fuel. Ecomotive Solutions, azienda del gruppo Holdim, specialista della calibrazione motore, ha presentato la nuova centralina elettronica d-gid Light: un sistema di gestione elettronica per alimentare i motori diesel con una miscela dinamica controllata di diesel e gas (metano, biometano o GPL).

Evoluzione di una piattaforma già utilizzata nel settore del trasporto pesante, si avvale di algoritmi in grado di effettuare il controllo dinamico della quantità di gasolio consumata, sostituendone mediamente il 50-55% con il gas. Ne consegue un abbattimento significativo della CO2 emessa, senza alterare le prestazioni e riducendo i costi di rifornimento. 

Ecomotive Solutions ha ottenuto l’omologazione per la conversione da diesel a dual fuel di vetture e veicoli commerciali leggeri fino alla categoria Euro 6 (da 1.496 cc fino a 3.741 cc, di peso inferiore alle 3,5 tonnellate) rilasciata dal Ministero dei Trasporti (Mit), valida per funzionamento con metano o GPL.

Il controllo dinamico dell’iniezione primaria di gasolio e il dosaggio accurato della miscela aria-gas – spiega Roberto Roasio, business development manager di Ecomotive Solutions – sono i punti di forza del sistema, controllato da una centralina ‘intelligente’, capace di colloquiare con il motore in tempo reale per garantire perfetto funzionamento e sicurezza. Il sistema è conforme alle direttive europee ed è stato riconosciuto dal MIT che ha rilasciato ad Ecomotive un’omologazione DGM con la quale i centri autorizzati che hanno seguito un corso di formazione, possono ottenere la riqualificazione del mezzo trasformato con collaudo ed aggiornamento del libretto di circolazione presso le sedi provinciali del MIT.  

Come accennato, l’azienda piemontese è partita dal trasporto pesante ed è la prima realtà in Italia ad aver ricevuto dal Mit l’omologazione per la conversione da diesel a dual fuel di mezzi heavy duty – cilindrata da 9.676 cc a 16.128 cc – fino alla categoria Euro 6. Tra le realizzazioni già effettuate, un Daf 510 FX FT della flotta di EcorNaturaSì, dotato di motore Paccar MX13 375H1 di cilindrata 12.902 cc e potenza massima di 375 kw, è stato trasformato con il sistema di Ecomotive Solutions per circolare in modalità diesel/metano dual fuel.

La gamma di soluzioni non riguarda solo veicoli leggeri e logistica professionale, ma tocca anche il settore marino, quello agricolo e della produzione di energia.

Nati dalla passione motoristica – prosegue Roasio – i prodotti Ecomotive Solutions, stanno espandendo i loro orizzonti in diverse nuove direzioni. Oltre al dual fuel oggi l’azienda offre motori industriali full gas (metano, GPL, SYNGAS, ecc.) di propria produzione ed investe nel mondo del Biometano con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento nelle tecnologie che consentiranno l’impiego finale di carburanti alternativi avanzati nel prossimo futuro.  

Info: www.ecomotive-solutions.com

 

C’è anche il motore industriale a metano e biometano

Ecomotive Solutions ha sviluppato con Pitteri Violini (distribuzione di componenti meccanici, oleodinamici e motori destinati al primo equipaggiamento) un motore industriale a gas naturale (utilizzabile con metano o biometano, e presto anche con GPL), l’ES-3CB1-NG. È un motore a ciclo otto che utilizza un sistema di accensione elettronica comandata, con capacità di regolazione indipendente per ogni singolo cilindro. Il carburante gassoso è portato al motore tramite un sistema di iniezione elettronica che permette il controllo della quantità di gas introdotta in camera di combustione. Il motore è governato da una centralina elettronica dedicata. La gestione della combustione avviene in “close-loop” grazie all’utilizzo di una sonda lambda che permette la correzione costante del rapporto stechiometrico aria/gas per ottimizzare il rendimento. Una linea di regolazione flessibile della pressione del gas in entrata consente di connettere il motore a fonti di gas metano a bassa pressione (es. rete cittadina), media pressione (Rete gas in zone industriali) o altra pressione (Gas Naturale Compresso, da bombole o Gas Naturale Liquefatto, da serbatoi criogenici).

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS