Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

16
Ven, Nov
Advertisement

Tempo di bilanci

Editoriali
Tipografia

Il 2017 sta finendo. La XVII legislatura si avvia al termine. La conferenza sul clima di Bonn (Cop 23) si è svolta un po’ in sordina, senza aggiornamenti clamorosi. Lo smog attanaglia le nostre città. L’Europa chiede nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni, che comporteranno impegno e investimenti da parte dell’industria. 

Reduci dal dieselgate, che ha portato a riflettere sulla bontà dell’utilizzo del gasolio in autotrazione, ora si parla di incongruenze anche per le elettriche: l’associazione per la tutela dei consumatori Altroconsumo ha testato tre modelli – Opel Ampera-e, Nissan Leaf e Renault Zoe – e tutti hanno evidenziato un’autonomia nettamente inferiore a quanto dichiarato dalle case automobilistiche.

La nuova Strategia energetica nazionale appena approvata si prefigge degli obiettivi al 2030 e sostiene la promozione della mobilità sostenibile, ma le modalità non vengono delineate così chiaramente, mentre per il bene dell’ambiente e della salute pubblica sarebbe stato doveroso un riferimento più esplicito, in particolare per i veicoli privati, all’autotrazione a gas. Che si avvale di una tecnologie a basso impatto ambientale moderna, affidabile, credibile. Che può ridurre l’inquinamento dell’aria nelle città e al contempo favorire l’occupazione e l’economia.

La filiera di imprese rende l’Italia leader nel mondo: decine di aziende di produzione di impianti per la conversione a GPL e metano, una rete di trasformazione e assistenza con più di 6.000 officine, 4.000 distributori di GPL e 1.200 di metano, questi ultimi destinati a raddoppiare nei prossimi anni.

Impensabile quindi rinunciarvi, visto che le riserve di gas sono ingenti e si prevedono importanti produzioni da rinnovabili grazie a scarti, rifiuti e biomasse.

Che dire poi dell’accoppiata vincente gas + ibrido (già possibile con la trasformazione in officina, ma già proposta anche da Suzuki)? Massima ottimizzazione, per risparmio e basse emissioni.

Sembra che il mercato stia ricominciando a premiare il gas, con un aumento di nuove immatricolazioni.

Allo stato dell’arte della tecnologia, delle infrastrutture di rifornimento e del rapporto costo benefici è la scelta più sensata.

Anche per chi non è pronto a comprare un’auto nuova, grazie alla trasformazione.

Fca, in controtendenza rispetto ad altre case – che comunicano solo propositi sull’auto elettrica, pur proponendo in molti casi modelli a GPL e metano – promuove l’utilizzo del gas nei trasporti, come dimostra anche l’ accordo siglato con Eni relativo a nuove applicazioni tecnologiche per la mobilità sostenibile.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS