Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

20
Lun, Mag
Advertisement

Un antico legame tra Bologna e Costantinopoli

Turismo
Tipografia

Per i bolognesi il Santuario della Madonna di San Luca è una gloriosa bandiera erta sull’omonimo colle come la Lanterna di Genova o il Vesuvio a Napoli: quando i naviganti genovesi o napoletani li scorgono da lontano la casa è vicina.

Ma esiste anche un antico legame che lega oriente e occidente e si intreccia all’interno del santuario. La leggenda narra che un eremita greco, Teocle Kmynia, in pellegrinaggio a Costantinopoli, ricevette dai sacerdoti della basilica di Santa Sofia, al tempo la più grande dell’impero romano, un dipinto (che si diceva opera dell’apostolo San Luca Evangelista) affinché venisse portato su un “Monte della Guardia” per proteggere l’umanità, così come era scritto sullo stesso dipinto. L’eremita andò a Roma alla ricerca del luogo esatto: chiedendo e richiedendo finalmente un vescovo, ambasciatore del Senato di Bologna, forse intuendo la possibile valenza “turistica” dell’immagine – siamo nell’anno 1100, Gerusalemme è appena conquistata e masse di fedeli percorrono migliaia di chilometri per venerare reliquie provenienti dall’oriente - lo conduce su un colle di Bologna, chiamato, già allora, Colle della Guardia. Con solenne cerimonia vi posero l’immagine in cima costruendovi un santuario. Da allora la basilica sul colle - con la sua Madonna con Bambino - protegge Bologna, anche se è accertato che il pellegrino Teocle non è mai esistito e il dipinto è più recente rispetto all’epoca dell’apostolo Luca.

Un altro fatto lega i bolognesi alla loro Madonna: correva l’anno 1433 e un mese di giugno particolarmente piovoso (come quest’anno?), tormentava Bologna e i bolognesi distruggendo i raccolti e allagando case e campagne. Non sapendo più a che Santo votarsi un Cardinale pensò bene di portare l’icona della Madonna, per 400 anni rimasta tranquilla sul colle, giù in città, con una processione a cui partecipò tutta la popolazione. Si narra che all’arrivo in città della Madonna di San Luca (4 luglio 1433) le piogge cessarono e tutti gioirono con gran stupore. Da allora ogni anno la processione si ripete con “la discesa della Madonna”.

Da mille anni un’immagine proveniente da Costantinopoli (oggi Istanbul) protegge Bologna. Oriente più santo o più ecologico? Non ci è dato di sapere. Ma le due città sono legate. Istanbul è la città turca con il maggior numero di auto alimentate a GPL mentre Bologna è la patria del gas autotrazione in Italia e nel mondo: un altro miracolo o San Luca vedeva lontano?

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS