Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

16
Ven, Nov
Advertisement

Nuovi obiettivi dalla UE

Ambiente
Tipografia

L’8 novembre la Commissione europea ha presentato un pacchetto mobilità nel quale propone obiettivi più ambiziosi per le emissioni medie di CO2 del nuovo parco autovetture e veicoli leggeri della UE per accelerare la transizione ai veicoli a basse e zero emissioni.

L’intento è quello di fornire un ulteriore strumento per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi e, al contempo, rafforzare la leadership mondiale dell’Unione per i veicoli puliti.

In pratica la Commissione propone che i target di emissioni CO2 che devono essere rispettati dai costruttori siano ridotti del 30% entro il 2030 e del 15% entro il 2025 (rispetto agli obiettivi al 2021: 95 g CO2/Km per auto passeggeri e 147 g CO2/Km per veicoli commerciali leggeri), con meccanismi premianti per i costruttori che immetteranno sul mercato veicoli con emissioni sotto i 50 grammi per Km. 

Il pacchetto comprende inoltre una direttiva che promuove soluzioni per una mobilità pulita negli appalti pubblici; un piano di azione e soluzioni di investimento per la diffusione a livello transeuropeo di un’infrastruttura per i combustibili alternativi, con l’obiettivo di accrescere il livello di ambizione dei piani nazionali; la revisione della direttiva sui trasporti combinati, che promuove l’uso combinato di diversi modi di trasporto delle merci (ad es. Tir e treni); la direttiva sui servizi di trasporto passeggeri effettuati con autobus, che incoraggia lo sviluppo di collegamenti su lunghe percorrenze; un’iniziativa sulle batterie con obiettivi di politica industriale affinché veicoli e altre soluzioni di mobilità del domani siano concepiti e prodotti nell’UE.

La gara mondiale per lo sviluppo di auto pulite è stata avviata – ha dichiarato Miguel Arias Cañete, commissario per l’azione per il clima e l’energia – e non si può fermare. L’Europa deve però mettersi al passo se vuole condurre e guidare questo cambiamento globale. Oggi investiamo nell’Europa e tagliamo l’inquinamento per rispettare l’impegno preso con l’accordo di Parigi di ridurre le emissioni di almeno il 40% entro il 2030.

Per Violeta Bulc, commissaria per i trasporti, con questo pacchetto la Commissione interviene in maniera decisiva per rispondere a una sfida sempre più importante: riconciliare le esigenze di mobilità degli europei con la protezione della salute e del nostro pianeta. Tutti gli aspetti di questa sfida sono presi in considerazione: promuoviamo veicoli più puliti, rendiamo l’energia da fonti alternative più accessibile e ottimizziamo i nostri sistemi di trasporto.

 

Le reazioni di Anfia

L’ANFIA, Associazione nazionale filiera industria automobilistica ha accolto positivamente che i nuovi obiettivi siano collegati alla data del 2030, coerentemente con le tempistiche definite dai Capi di Stato UE per l’accordo sul Clima e l’Energia 2030. 

Tuttavia, sottolinea ANFIA in una nota, l’introduzione di un target addizionale al 2025 – quindi a distanza di pochi anni dai target 2021 – non dà all’industria tempo sufficiente per le modifiche tecniche e progettuali necessarie. L’Associazione spiega che:

Anfia logo

Il target di riduzione delle emissioni al 30% proposto dalla Commissione è troppo oneroso. La filiera automotive italiana considererebbe invece raggiungibile, a costi elevati ma accettabili, un target di riduzione del 20% per le auto. Gli obiettivi di riduzione della CO2 possono dare notevole spinta all’innovazione, ma l’attuale proposta non prende in adeguata considerazione la bassa e frammentata penetrazione sul mercato dei veicoli a propulsione alternativa. Maggiori investimenti in infrastrutture dedicate a ricarica e rifornimento di questi veicoli sono condizione necessaria affinché i consumatori UE possano effettivamente dirottare le proprie scelte di acquisto in questo senso. 

L’infrastruttura, fa però notare Anfia, rappresenta solo una faccia della medaglia: l’accessibilità di questi veicoli in termini di costi è un’altra significativa barriera.

Cambiamenti radicali nel mercato dei veicoli ad alimentazione alternativa non possono ovviamente avvenire da un giorno all’altro. Quindi Anfia propone di: Concentrarsi su un target al 2030 è il miglior modo di procedere. Al 2025, invece di introdurre un interim-target, si potrebbe definire una tappa intermedia per valutare i progressi nella riduzione della CO2 in vista dell’obiettivo 2030.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS