Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

04
Dom, Dic
Advertisement

Stazione di ricarica auto: come sceglierla ed installarla

Flash News
Tipografia

Le stazioni di ricarica auto, anche note in gergo come colonnine elettriche, che permettono la ricarica dei veicoli elettrici, stanno conoscendo una diffusione inarrestabile a livello mondiale. Data l’importanza dell’argomento, vediamo di dare alcuni consigli pratici relativamente alla scelta ed all’installazione di questi dispositivi.


Le stazioni di ricarica si differenziano prima di tutto a seconda del loro luogo di installazione: se privato e semipubblico o pubblico.
● Le stazioni di ricarica private o semipubbliche sono ubicate nelle case, nei parcheggi condominiali, o presso banche, alberghi, negozi o parcheggi aziendali. Esse possono essere utilizzate solo previa autorizzazione ad esempio della direzione dell’albergo, della banca o dell’amministrazione condominiale.

● Le stazioni di ricarica pubbliche sono invece quelle che, sempre più numerose, si trovano ubicate in città o presso le stazioni e gli aeroporti. Tutti gli automobilisti in possesso di un veicolo elettrico possono usarle, ovviamente previo pagamento dell’energia caricata.

real 5c82e685 7e48 4deb b11f 5b35de6cc59c

Immagine tratta da autoparti.it


Sebbene l’installazione di una stazione di ricarica ad esempio nel proprio garage di casa non richieda in genere alcuna autorizzazione particolare, è sempre bene informarsi presso le autorità competenti del proprio comune di residenza, se a livello locale siano state emanate delle norme particolari in materia. L’installazione di questo accessorio è un’operazione che non può essere condotta in modo autonomo e che richiede l’intervento di uno specialista. In alcuni casi, a seconda del luogo in cui si vuole posizionare il dispositivo, ad esempio la parete antistante alla zona di parcheggio della propria auto nel garage di casa o nel parcheggio condominiale, sarà necessario condurre degli appositi lavori di muratura. Il montaggio richiede inoltre una specifica richiesta di collegamento ed una notifica al proprio fornitore di energia elettrica. È inoltre consigliabile verificare se il proprio impianto elettrico è idoneo a sopportare l’incremento del consumo energetico, connesso ovviamente all’attivazione della stazione di ricarica. In alcuni casi insieme alla stesura di un nuovo contratto di fornitura elettrica, sarà necessario anche un ammodernamento dell’intero impianto, ai fini di evitare pericolosi cortocircuiti.

La soluzione più pratica è quella di far installare una wallbox. Le wallbox, come il nome stesso dice, sono stazioni di ricarica posizionate su una parete, compatibili con tutti i modelli di auto elettrica. Per quanto riguarda i tempi di ricarica, le wallbox si suddividono nelle seguenti categorie:

● A ricarica lenta (slow), per ricariche fino a 7,4 KW.

● A ricarica accelerata (quick), per ricariche fino a 22 KW.

● A ricarica veloce (fast), per ricariche fino a 50 KW.

● A ricarica ultra-veloce (ultra-fast), per ricariche oltre i 50 KW.

Per quanto riguarda i costi, per l’acquisto e l’installazione di una wallbox domestica a carica lenta, il tipo più economico, si dovrebbe preventivare una spesa che si aggira tra i 900 ed i 1500 euro, IVA inclusa. Va sottolineato che le somme sopra indicate sono approssimative e che sta poi all’utente fare delle ricerche di mercato, per poi optare per il modello e l’azienda aventi il miglior rapporto prezzo-qualità.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS