Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

13
Gio, Mag
Advertisement

Mercato auto 2020 -28%

Mercato
Tipografia

Il mercato italiano dell’auto ha chiuso il mese di dicembre in ribasso del 15% con oltre 119mila autovetture immatricolate.

Fortemente influenzato dagli effetti della crisi Covid-19, totalizza nell’intero 2020 poco più di 1,38 milioni di vendite, 28% in meno rispetto all’anno precedente: mancano all’appello 535.000 vetture.

 

ALIMENTAZIONI TRADIZIONALI

Prosegue il calo delle alimentazioni tradizionali: la quota di auto nuove diesel vendute in dicembre vale il 25% del mercato (33% nel 2020); i volumi calano del 38% a dicembre. Da inizio 2020 le auto diesel perdono il 41% del mercato. A dicembre la quota delle auto a benzina si attesta al 33% e al 38% nel cumulato, i volumi scendono del 42% a dicembre e del 39% nei dodici mesi.

 

ALIMENTAZIONI ALTERNATIVE

Le immatricolazioni delle vetture ad alimentazione alternativa raddoppiano anche nel mese di dicembre (+111%), raggiungendo una quota del 41%, mentre da inizio 2020 rappresentano il 29% del totale mercato, +13% rispetto al 2019, con una crescita del 35%. La variazione positiva ammonterebbe a un +122% considerando solo le auto ibride ed elettriche, la cui crescita ha contribuito ad abbassare le emissioni medie di CO2 delle nuove auto acquistate a dicembre: a 98,5 g/km e a 108,4 g/km in gennaio-dicembre 2020 (elaborazioni Anfia).

 

COSA SUCCEDERÀ NEL 2021?

L’indagine Istat sulle intenzioni di acquisto di una vettura nuova nei prossimi 12 mesi, evidenzia un calo costante di risposte sì e certamente sì dalla cifra record del 14,5% di aprile 2019 al 9% di gennaio 2020. A partire da luglio 2020 si sono visti lievi segnali di crescita rispetto a inizio anno, confermati dalla rilevazione di ottobre, dove le risposte positive salgono al 10,3.

 

GAS AUTO: GPL E METANO DISCRIMINATI

Le prime auto ad offrire caratteristiche ecologiche, quelle a GPL e metano, nel 2020 hanno subito nelle nuove immatricolazioni una forte contrazione: meno 31% nell’anno per il GPL e meno 18% per il metano. I motivi stanno in una minore offerta di modelli e nella miope e scandalosa assenza di incentivi all’acquisto, dei quali hanno invece potuto beneficiare auto elettriche e ibride, che hanno raggiunto risultati visibili: con 221.893 ibride mild/full e 59.894 ricaricabili immatricolate da inizio anno, le elettrificate valgono il 20% del mercato. Nel corso della prima decade degli anni 2000, che ha visto diverse iniziative di incentivazione, statali e non, le immatricolazioni a gas sono arrivate a toccare il 21% del mercato e le trasformazioni in officina sono state anche 270.000 all’anno, contro le circa 90mila del 2018 e del 2019, in ulteriore discesa nel 2020: 50mila. Nonostante le richieste delle associazioni, la ultima inadeguata manovra di bilancio non ha premiato queste alimentazioni, certamente molto meritevoli per sostenibilità e impatto ambientale. A maggior ragione se consideriamo le prospettive che si aprono grazie a biocarburanti come il biometano.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS