Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

12
Lun, Nov
Advertisement

Il GPL rende la i30 economica

GPL
Tipografia

Hyundai i30 1.4 GPL Comfort
Svelata nel 2011, la seconda generazione i30 segna una svolta: per la prima volta un modello Hyundai ha stile e qualità pari alla più blasonata concorrenza europea. Un ingresso nell’olimpo dei motori attribuito senza volere da Martin Winterkorn, allora amministratore delegato di Volkswagen, rimasto affascinato dalla vettura al suo debutto al Salone di Francoforte.

A dare le forme al modello, che abbiamo provato nella versione 1.4 Comfort antecedente al restyling del 2015 ed equipaggiata con impianto a GPL di Autogas Italia, è Thomas Bürkle, responsabile del centro stile europeo di Hyundai a Rüsselsheim, in Germania. Lo stile segue il principio della Fluidic Sculpture, scultura fluida, che si ispira alla natura per creare linee morbide ed efficaci. L’esito è un’auto moderna e personale con frontale caratterizzato dalla griglia esagonale con fascia porta targa orizzontale, dal disegno allungato dei fari e dalle luci diurne a Led ad avvolgere i fendinebbia. La fiancata ha andamento dinamico conferito da parabrezza a forte inclinazione, parafanghi pronunciati e nervatura raccordata con i fanali posteriori. La coda con lunotto spiovente e piccolo spoiler contribuisce ad un coefficiente aerodinamico 0,30.

Estetica e praticità nell’ampio abitacolo per cinque adulti, con un design attrattivo dominato dalla consolle centrale con schermo infotainment, comandi climatizzatore e prese Aux, Usb e per la corrente 12V. Materiali, finiture e assemblaggi sono di buona qualità, i vani portaoggetti tanti, capienti e comprendono il cassetto refrigerato sotto la plancia. Il bagagliaio ha pratici ganci di ancoraggio, presa 12V e capacità in linea con la concorrenza: 378 litri a 5 posti estendibili a 1.316 litri reclinando il divano posteriore. Valori inalterati con la trasformazione a GPL grazie al serbatoio toroidale 48 litri (38,4 litri effettivi, per un’autonomia di circa 450 km) sotto il piano di carico insieme al kit di riparazione rapida dello pneumatico.

Poltrona guida comoda con schienale avvolgente e regolabile in altezza e profondità. Il cruscotto, con tachimetro e contagiri analogici e display digitale centrale per il computer, ha disegno di facile lettura e luminosità regolabile. I tasti al volante facilitano l’accesso alle diverse funzioni. Integrato con cura il commutatore/indicatore del livello GPL alla base del cambio.

Su strada si apprezzano silenziosità e facilità di guida, merito dello sterzo con taratura della servoassistenza su tre livelli (Normal, Sport per maggiore precisione e rigidezza e Comfort per facilitare i parcheggi). Apprezzabili pure gli innesti precisi del cambio, il pedale della frizione morbido e quello dei freni ben modulabile ed efficace nel ridurre gli spazi di arresto grazie ai quattro dischi, con anteriori autoventilati. Lo stesso assetto è pensato per favorire il comfort con ammortizzatori efficaci nell’assorbire le asperità stradali. Scelta non penalizzante per la tenuta di strada grazie all’efficace lavoro delle sospensioni, tipo McPherson a ruote indipendenti davanti e con disegno Multilink dietro, e dei numerosi sistemi elettronici, come quelli per il controllo della trazione e della stabilità. Di fatto, la i30 è maneggevole in città malgrado gli ingombri da compatta (è lunga 430 cm, larga 178 e alta 147) e comoda e sicura sulle strade extra urbane e sui percorsi autostradali.

Il motore è un 4 cilindri 1,4 litri 100 CV, abbinato a una trasmissione manuale a 6 marce. Sedici valvole senza velleità sportive (velocità massima 182 km/h, accelerazione 0-100 km/h in 13,2”), ma con discreta coppia (137 Nm) ed elasticità di marcia che consentono una guida fluida. Comportamento inalterato commutando a gas se si esclude un lieve calo della potenza avvertibile con una guida sportiva. A cambiare, con l’adozione del Kit PJ Odb Autogas Italia, sono emissioni e spese di rifornimento. Il rilascio di CO2 scende da 139 a 128 grammi/km e quello degli inquinanti di percentuali più consistenti.

Scheda Tecnica Hyundai i30 GPLIl risparmio supera il 50%. Nella prova abbiamo ottenuto un consumo medio reale a benzina di 6,9 l/100 km equivalenti, con carburante a 1,5 euro/l, a una spesa di 0,104 €/km. Numeri che si tramutano in 8,2 l/100 km e, considerato un costo del GPL di 0,56 euro/l, 0,046 euro/km. Differenza di 0,058 euro/km che consente di recuperare la spesa per l’installazione in meno di 25.000 km. In realtà, la percorrenza può essere ancora più breve in quanto il kit ha un prezzo variabile tra i 1.000 e i 1.400 euro e i chilometri citati si riferiscono alla cifra più alta.

La Hyundai i30 provata è fuori produzione e sostituita dalla versione aggiornata migliorata nell’estetica e nella tecnica, in particolare il consumo benzina di 5,6 l/100 km e le emissioni di CO2, 129 grammi/km dati ancora più interessanti con la trasformazione a gas. La versione 1.4 è disponibile nelle varianti Classic a 18.500 euro e GO! a 20.450 euro, con la prima comprendente sei airbag, sistema di segnalazione di frenata d’emergenza e di controllo per le partenze in salita, nonché fendinebbia e climatizzatore manuale e il sistema di infotainment con lettore CD e mp3. La Go! aggiunge numerosi dispositivi, come cerchi in lega, cruise control, clima bi-zona e navigatore. Compresi nel prezzo cinque anni di garanzia, assistenza stradale e controlli a chilometraggio illimitato. La versione a gasolio più economica, la 1.6 CRDi da 90 CV, costa 2.000 euro in più e ha un maggiore costo chilometrico.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS