Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

20
Lun, Mag
Advertisement

Auto ibrida, ecco perché sceglierla conviene

Attualità
Tipografia

La tendenza all’acquisto di automobili ibride si va sempre più consolidando, nel nome del rispetto ambientale e del mantra relativo alla tutela del pianeta. E’ importante che ciascuno si adoperi al meglio per porre in essere comportamenti virtuosi nella routine quotidiana e senza dubbio il fatto di scegliere l’auto ibrida implica una riduzione delle emissioni nocive e inquinanti nell’aria. Le case costruttrici stanno puntando con crescente decisione su questa tipologia di vettura: il mercato risponde positivamente, innescando così un circuito vincente sotto punti di vista diversi. I vantaggi derivanti dall’acquisto di un’auto ibrida sono principalmente connessi ai minori consumi.

Il motivo è presto detto: interviene ad esempio nei modelli mild hybrid il motore elettrico per supportare l’unità termica in ripresa e garantire così uno spunto migliore. Altro esempio è poi quello relativo alle plug-in hybrid: qui è possibile ricorrere alla modalità full electric anche per percorrere molti chilometri (i consumi di carburante in questo modo vengono abbattuti in maniera drastica).

La scelta della polizza assicurativa, i vantaggi fiscali e le Ztl

Scegliendo di comprare una macchina ibrida si possono ottenere importanti vantaggi anche da un punto di vista fiscale. Sarà infatti corretto affermare che, pur trattandosi di una misura di tipo non univoco visto che ciascuna regione disciplina tale materia in modo autonomo, vi siano in Italia agevolazioni pensate ad hoc proprio per i proprietari di macchine con tecnologia ibrida. Alcune regioni, ad esempio, potranno diminuire il prezzo del bollo auto. Vediamo adesso in che modo scegliere prodotti indispensabili come le polizze online, visto che il costo di queste ultime risulta molto più contenuto rispetto a quello da sostenere per automobili alimentate con combustibili tradizionali. Si può risparmiare fino al 15% rispetto a una polizza per auto a benzina, in tutti i casi bisogna sempre valutare caso per caso tenendo presenti sia il valore del veicolo che la tipologia specifica di motore ibrido adottato. Le compagnie assicurative, propense a offrire spesso sconti, puntano molto sul fatto che generalmente la persona che possiede una macchina ibrida non è un automobilista a rischio. Si tratta il più delle volte di over 40, quindi di persone che ormai hanno acquisito una certa esperienza di guida e non rappresentano profili critici. Altro vantaggio, sempre più apprezzato, è poi quello relativo alla possibilità di circolare liberamente nelle ZTL e nei centri storici senza alcuna limitazione.

Tipologie e caratteristiche delle auto ibride: le cose da sapere

Quando parliamo di vettura ibrida facciamo riferimento a un tipo di automobile innovativo, che al motore alimentato a gasolio oppure a benzina abbina un propulsore elettrico. Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom di consensi intorno al relativo mercato, soprattutto per gli importanti risparmi in grado di garantire e alla riduzione importante di emissioni nocive. Esistono auto mild hybrid, full hybrid e plug in: le prime prevedono la presenza del motore tradizionale e di quello elettrico (quest’ultimo supporta l’altro in fase di accelerazione, riducendo in tal modo l’utilizzo di carburante). Il mezzo andrà a recuperare energia al momento della frenata, consentendo alle batterie di ricaricarsi. Le seconde permettono di viaggiare in via del tutto elettrica, mantenendo una velocità contenuta intorno ai 60 km/h. In questo caso, le batterie si ricaricano sia durante la frenata che in fase di accelerazione. Cosa significa? Che le cose cambiano a seconda di quale sia lo stile di guida dell’automobilista e della tipologia di strada che ci si trova a percorrere. Le terze, infine, sono simili quanto a funzionamento alle macchine con tecnologia full hybrid, in più però le plug in montano delle batteria di maggiore potenza (la ricarica avviene alle colonnine o tramite normali prese elettriche).

Chiudiamo con una panoramica relativa ai principali svantaggi, che riguardano il prezzo d’acquisto - le auto green sono più costose dei modelli tradizionali - ma anche l’utilizzo della vettura. I benefici, infatti, si perdono nel caso in cui si faccia uso della vettura principalmente sulle autostrade. Il motore elettrico oltre i 50 km/h si disattiva per fare in modo di non sprecare le batterie. Il peso extra che però si finisce per portarsi dietro andrà comunque a influire sui consumi.