Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

22
Gio, Ott
Advertisement

Mobilità sostenibile, 164 milioni per 81 comuni

Attualità
Tipografia

Interventi in 81 comuni per 164 milioni, finanziati da Ministero dell’Ambiente ed Enti locali, verranno destinati a implementare la mobilità sostenibile casa-scuola casa-lavoro nelle città o raggruppamenti di Comuni al di sopra dei 100 mila abitanti.

Obiettivo del provvedimento, innescare pratiche virtuose di mobilità sostenibile per gli spostamenti ritenuti tra i principali responsabili del congestionamento del traffico urbano e del degrado della qualità dell’aria, quali appunto la mobilità casa-scuola e casa lavoro.
GLI INTERVENTI
Percorsi ciclabili e pedonali, servizi di mobilità condivisa (car/bike/scooter sharing), opere per l’integrazione modale (parcheggi, ciclostazioni), trasporto collettivo, mobility management, sistemi Its (per l’infomobilità), servizi di accompagnamento, moderazione del traffico.
IL MINISTRO DELL’AMBIENTE
Promuovendo e finanziando pratiche come l’uso della bicicletta, il bike sharing, il car pooling, la mobilità elettrica collettiva, l’introduzione di mobility manager nelle amministrazioni pubbliche e nelle aziende – afferma il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa – si punta a qualificare ambientalmente la cultura della mobilità, a migliorare la qualità della vita e dell’aria nelle città e a ridurre le emissioni di gas serra responsabili dei cambiamenti climatici.

LE RICHIESTE DI FINANZIAMENTO
Al Ministero dell’Ambiente ne sono state presentate 114, sulla scia di un bando del 2016. I progetti sono stati vagliati da una Commissione di valutazione. Sulla base dei requisiti ambientali previsti dal programma e dei punteggi attribuiti alle diverse caratteristiche delle iniziative dal decreto istitutivo, che ha fissato una soglia di punteggio per l’ammissibilità, la Commissione ha stilato la graduatoria. Sono stati ammessi a finanziamento tutti i progetti valutati
come ammissibili.
A CHI VANNO LE RISORSE
Tra i beneficiari dei finanziamenti troviamo la capitale: a Roma otto i progetti che saranno cofinanziati con tre milioni, per un valore complessivo di 5 milioni. Quasi un milione a Rimini e alla provincia di Savona.
Oltre 900mila euro a Fiumicino e Cerveteri. Cinque gli interventi in Sicilia.
La dotazione più cospicua è stata destinata al Comune di Erice, circa 3,3 milioni, che è il capofila di un gruppo che comprende Buseto Palizzolo, Castellamare del Golfo, Custonaci, Favignana, Paceco, San Vito Lo Capo, Trapani e Valderice.
Circa 1,6 milioni di euro a Marsala, come capofila, e ad altri tre comuni dell’area (Alcamo, Calatafimi-Segesta e Petrosino); la stessa cifra a Siracusa. A Messina 1,3 milioni e a Sciacca, con Castelvetrano, Menfi e Ribera, circa 700 mila euro. L’elenco completo è disponibile sul sito del Ministero dell’Ambiente.

ALBA: INCENTIVI A CHI PASSA A GPL E METANO PER PROMUOVERE LA MOBILITÀ SOSTENIBILE
I residenti ad Alba che convertono la propria auto a benzina a GPL o a metano ricevono dal Comune un bonus di 250 euro, mentre le officine convenzionate applicano uno sconto di 100 euro sull’importo totale.
L’accordo, che ha visto la luce diversi anni fa, è stato rinnovato il 19 febbraio ed è stato lanciato dal Comune per ridurre gli inquinanti in atmosfera prodotti dalle emissioni dei veicoli, accanto ad altre iniziative come l’istituzione delle zone a traffico limitato (Ztl).
Per avere l’incentivo, l’utente deve presentare in officina una dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell’atto di notorietà, allegando il documento di identità valido, comprovante la residenza, la carta di circolazione del veicolo comprovante la targa e l’anno d’immatricolazione, il codice fiscale.
Rinnoviamo molto volentieri questa lodevole iniziativa – dichiara l’assessore all’Ambiente Marco Marcarino – che + prosegue con successo da alcuni anni e che, attraverso un bel contributo, incentiva i cittadini a rendere la propria auto meno inquinante con la trasformazione in GPL/ metano. A beneficio dell’ambiente, è una delle tante iniziative messe in campo dall’Amministrazione per rendere più pulita l’aria di Alba.
A nome mio e di Confartigianato posso dire che siamo molto contenti per il bel rapporto che prosegue con il Comune di Alba – dichiara Claudio Piazza delegato nazionale e presidente regionale del settore GPL metano per autotrazione della Confartigianato – Sono davvero contento che questa convenzione è stata rinnovata anche quest’anno. Notevoli sono gli aspetti positivi: per l’ambiente, ma anche per i cittadini che così possono risparmiare sul caro carburante.