Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

20
Gio, Giu
Advertisement

Progetto pilota Bidirectional Charging Management: consegnati i primi veicoli sperimentali

Tecnica
Tipografia

Consegnate al BMW Welt di Monaco 50 BMW i3 dotate della nuova tecnologia Bidirectional Charging Management-BCM, frutto di un progetto lanciato nel 2019 dall’omonimo consorzio, che riunisce aziende del settore automobilistico, delle infrastrutture di ricarica, dell’ambito energetico e scientifico per sviluppare soluzioni tecnologiche capaci di rendere più semplice ed economica la mobilità elettrica, garantendo emissioni più basse.

 

L’obiettivo del progetto di ricerca, che durerà 3 anni sotto la gestione del Centro aerospaziale tedesco e con il finanziamento del Ministero della Repubblica Federale Tedesca per l’economia e l’energia, è quello di utilizzare l’energia rinnovabile e al contempo aumentare l’affidabilità delle forniture di energia. 

Le batterie come dispositivi mobili di stoccaggio energetico

I veicoli bidirectional non si limiteranno solo a prelevare energia elettrica per la batteria ad alta tensione ma avranno anche la capacità di immettere altra energia nella rete elettrica dell’operatore della rete di distribuzione. Questo renderà le batterie dei veicoli elettrici dei dispositivi mobili di stoccaggio energetico, fornendo energia quando necessario.

I partner

Integrare il maggior numero possibile di veicoli elettrici nella rete elettrica impegnando questa metodologia è compito del progetto di ricerca, dove il BMW Group agisce come leader del consorzio, fiancheggiato da Kostal Industrie Elektrik GmbH (sviluppo dell’hardware di ricarica), Keo GmbH (fornitore di software per la connessione dei sistemi degli utenti con i fornitori di energia), l’operatore della rete di trasmissione TenneT e l’operatore della rete di distribuzione Bayernwerk Netz GmbH (entrambi i servizi del sistema energetico), l’Istituto di ricerca per l’energia e la Research Association for Energy e.V. (sia la ricerca FfE sul sistema energetico e le ripercussioni sulla rete, sia la valutazione dei dati di misurazione), l’Istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT; ricerca sul mercato dell’elettricità e ripercussioni sulla rete) e l’Università di Passau (ricerca sugli utenti).

Più energia generata

Uno dei primi effetti diretti per i clienti è la massimizzazione dell’energia generata dal proprio impianto fotovoltaico, con conseguente riduzione dei costi di elettricità. La diffusione dei veicoli elettrici comporta un aumento notevole della quantità di energia elettrica richiesta, dunque, sottolinea il Consorzio, bisogna prestare particolare attenzione ai flussi di energia, per poterli controllare in modo intelligente tenendo conto della provenienza da fonti rinnovabili.

In risposta a questa sfida, il BMW Group ha collaborato con l'operatore della rete elettrica TenneT per sviluppare una soluzione innovativa come parte di un progetto preparatorio in Germania, che permette alla strategia di ricarica dei veicoli elettrici di tenere conto del programma di mobilità del cliente, della disponibilità di elettricità verde e del carico attuale della rete elettrica. L'intelligence necessaria per il collegamento alla rete locale è fornita da Bayernwerk e KEO.

In pratica, ciò significa che i veicoli collegati possono sospendere e successivamente riprendere la ricarica quando richiesto dai segnali dell'operatore della rete di distribuzione o trasmissione. La tecnologia di ricarica bidirezionale (per il backfeeding dell'energia) che si sta esplorando potrebbe portare a benefici ancora maggiori. Infatti, permette ai veicoli elettrici parcheggiati collegati a una stazione di ricarica o a una wallbox di essere usati come dispositivi mobili e flessibili di stoccaggio dell'energia.

Durante i periodi in cui la domanda di elettricità è particolarmente elevata, questi veicoli sono in grado di immettere energia supplementare nella rete, mentre le batterie ad alto voltaggio vengono caricate principalmente nei momenti in cui l'elettricità da fonti rinnovabili è disponibile o la domanda complessiva è inferiore. E l'energia immagazzinata può, a sua volta, essere utilizzata esattamente quando serve, sia per la guida elettrica che per aumentare la capacità della rete elettrica.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS