Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

20
Lun, Ago
Advertisement

Con il dual fuel cresce il valore del Ducato

Metano
Tipografia

Fiat Ducato 2.3 Dual Fuel diesel-metano
Fiat Ducato: dopo 35 anni di duro lavoro è più in forma che mai. Il commerciale nato nel 1981 in sostituzione del “242” e da allora leader in Italia e protagonista in Europa.

Successo costruito su robustezza, praticità e costi di gestione competitivi, virtù presenti pure nella sesta generazione, introdotta nel 2014. Un modello ricco di tecnologie che ne incrementano produttività, sicurezza ed economia d’esercizio. Voce, quest’ultima, esaltata dalla variante provata durante l’Ecorally 2016, trasformata dalla Piccini Impianti di San Sepolcro con un impianto D-Gid Light a metano della Ecomotive Solutions, che regala anche notevoli qualità ecologiche.

Forme squadrate per ottimizzare il rapporto tra ingombri e capienza del vano, ampi paracolpi a proteggere carrozzeria e gruppi ottici da urti accidentali e un frontale a cuneo per favorire l’efficienza aerodinamica (Cx 0,31). Dotato di ampia calandra, ha fari alti e avvolgenti con luci diurne a LED, mentre nel posteriore sono verticali per lasciare spazio alle porte a doppio battente: apribili fino a 270 centimetri agevolano il carico insieme al portellone laterale scorrevole. Il vano non è limitato dalle bombole metano da 90 litri (autonomia dual di circa 350 km), inserite sotto il piano di carico.

L’abitacolo offre comfort e funzionalità elevate, rivestimenti e tessuti robusti. Lo spazio è abbondante per tre persone, la plancia ha al centro lo schermo da 5” del sistema infotainment e navigatore, le grandi manopole per regolare l’aria del climatizzatore e il commutatore/indicatore del livello gas. Contribuiscono alla praticità molti elementi: portadocumenti con pinza, appoggio con fermacarte sullo schienale del sedile centrale ribaltabile, cassetto refrigerato, scomparti per contenere monete, bicchieri e computer, Bluetooth per connettere i dispositivi elettronici.

La guida è comoda, con ampia possibilità di regolare volante e sedile in altezza, longitudine e supporto lombare. Agevolano una guida rilassante i comandi al volante, la leva del cambio corta e il cruscotto di immediata lettura, comprendente l’indicatore di marcia ideale per ottimizzare i consumi. Buona la visibilità anteriore e laterale, mentre gli specchietti esterni sdoppiati di grandi dimensioni aiutano a “coprire” gli angoli ciechi per sopperire all’assenza del retrovisore interno.

Il motore è il 130 MultiJet di 2,3 litri con iniezione diretta common Rail a controllo elettronico, turbocompressore e intercooler. Tecnologie che forniscono al Ducato 130 CV di potenza, coppia di 320 Nm e velocità max di 150 km/h. Notevole l’elasticità di marcia e l’efficace cambio a sei velocità (a richiesta il Comfort Matic robotizzato) con i primi rapporti “corti” per favorire la ripresa a pieno carico e sesta lunga per contenere i consumi nei viaggi autostradali. Soluzioni che forniscono al furgone scatto in città e prestazioni nei tratti extraurbani dove si apprezza pure la discreta silenziosità e la tenuta di strada, favorita dalla presenza delle sospensioni autolivellanti che mantengono inalterato l’assetto al variare del carico. Contributi alla sicurezza arrivano da numerosi dispositivi elettronici come il Traction+, il differenziale intelligente che ripartisce la coppia sulle ruote con maggiore trazione per evitare slittamenti o l’Hill Descent Control per affrontare le discese più ripide a velocità impostata senza premere freno e acceleratore. Di serie sono pure il sistema elettronico di stabilità (ESC) con sistema di contenimento del rollio, il controllo elettronico del carico (LAC), l’anti-pattinamento (ASR), l’anti-bloccoggio delle ruote motrici (MSR), l’assistenza alla frenata d’emergenza (EBA) e l’Hill Holder per agevolare le partenze in salita. Pregevole lo sterzo morbido conferito dal Servotronic (idroguida ad asservimento variabile in base alla velocità), il potente impianto frenante a quattro dischi, il pedale frizione leggero e la presenza del Cruise Control con allarme al superamento della velocità impostata.

Scheda Tecnica Fiat Ducato diesel metanoMolta tecnologia anche per il contenimento dei costi: interventi di manutenzione a 48.000 km e Start/Stop che taglia del 15% i consumi in città. A beneficiarne sono pure le emissioni grazie anche ai sistemi EGR (Exhaust Gas Recirculation) e DC Motor per il parziale ricircolo dei gas di scarico. Ulteriori riduzioni grazie all’impianto a metano Ecomotive Solutions, il D-GID Light, evoluzione del sistema introdotto nel 2012 e disponibile da settembre per i mezzi con cilindrata compresa tra 1.496 e 3.741 cc con qualsiasi classe Euro. Un kit dual fuel, ossia con alimentazione simultanea di gas e gasolio, pensato per mantenere inalterate le prestazioni del veicolo. Obiettivo raggiunto con una miscela composta in media di 55% di metano (il mix varia da 0 a 70% in base al carico motore) che mantiene l’elevata briosità del Ducato sin dai bassi regimi.

Notevoli vantaggi sui consumi. Effettuiamo il raffronto non con gli ufficiali 6,2 l/100 km, ma con il dato medio reale di 12,0 l/100 km, ottenuto senza Start/Stop e con carico medio nel vano, che in modalità dual si tramuta in 5,65 litri gasolio/100 km e 5,3 kg/100 km di metano. Il costo chilometrico con diesel a 1,3 euro/litro e metano a 1 euro/kg passa da 0,156 a 0,126 euro/km. Un divario di 0,030 euro/km che consente di recuperare l’esborso per il kit (da 2.500 euro circa) in poco più di 80.000 km. In calo pure le emissioni di CO2 (–15%), di NOx (–20-25%) e di CO e PM (–60-70%). Il Ducato rinnovato nel 2016 è disponibile in ben 10.000 configurazioni incrociando allestimenti (Classic, Techno e Lounge), carrozzerie, passi, motorizzazione e altre opzioni. I prezzi IVA esclusa partono da 22.900 euro si possono scegliere versioni con volumetrie comprese tra 8 e 17 metri cubi e portate tra 8 e 21 quintali grazie alle 4 varianti di lunghezza e alle tre in altezza.

 

È anche a GPL

Il sistema D-Gid Light di Ecomotive Solutions è disponibile anche nella versione con alimentazione a GPL presente all’Ecorally con l’ambulanza su base Ducato di Punto Gas con bombola da 40 litri (autonomia dual di circa 540 km) e con il Citroën Jumper del direttore di gara di Autogas con serbatoio da 55 litri (740 km). Sistemi che consentono di sostituire il gasolio con il 30-35% di GPL con risparmi nei costi di rifornimento del 10-15% una notevole riduzione della CO2 (9%) e delle emissioni nocive per la salute.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS