Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

24
Gio, Set
Advertisement

Convertire una Fiat 500X da benzina a metano: ecco quanto si risparmia

Flash News
Tipografia

Ecomotive Solutions Autogas Italia, aziende italiane del gruppo Holdim specializzate nella progettazione di sistemi per la conversione a gas dei veicoli, hanno mostrato quanto si risparmia andando a metano con una vettura Euro 6 in origine a benzina.

L’auto presa in esame è stata una Fiat 500 X 1.6 Torq con 4 cilindri1598 cc81 Kw (110 hp) e cambio meccanico Euro 6, che è stata convertita a metano in after market attraverso l’installazione di un kit specifico presso un’officina specializzata delle reti Ecomotive Solutions/Autogas Italia.

La vettura è stata sottoposta a diversi test per determinare consumi di carburante ed emissioni di CO2: per valutare il consumo di benzina è stato impiegato un apposito contenitore graduato mentre per il metano sono stati effettuati normali rifornimenti presso la medesima stazione a medesimi orari del giorno e con medesima pressione presente nelle bombole.

La conversione a metano di una vettura come la 500 X in after market, sottolineano Ecomotive Solutions e Autogas Italia, non ha di per sé nulla di particolarmente innovativo se non il fatto che si tratta di un veicolo circolante con motore omologato euro 6 e quindi quello che ci preme evidenziare sono i vantaggi che possiamo ottenere. I focus sui quali ci siamo concentrati riguardano sia i consumi di carburante che la riduzione di CO2 che possiamo ottenere anche su un veicolo di ultima generazione dotato di un impianto a metano installato in after market.

 

Test consumi

I prezzi dei carburanti utilizzati per svolgere il test sono stati di 1,40/l per la benzina e di 0,988 /kg per il metano. I consumi di benzina rilevati in test su strada ammontano a 13,5 km/l mentre i consumi dichiarati da FCA in omologazione, sono di 14,4 km/l: il costo al km è quindi risultato essere di 0,104 . I consumi di metano rilevati durante il test sono stati invece di 21 km/kg, per un costo al km di 0,047 €.

Il costo chilometrico viaggiando a metanoevidenziano Ecomotive Solutions e Autogas Italia, in alcuni casi può essere simile o addirittura inferiore al costo sostenuto per caricare un’auto ibrida plug-in(dipende dal tipo di carica che si effettua). Inoltre, il risparmio viaggiando a metano permette diammortizzare il costo di installazione dell’impianto, pari a circa 2.200 euro iva compresa, spese di collaudo escluse,entro 40.000 km di percorrenza.

 

Emissioni di CO2

Con i consumi riportati precedentemente, le emissioni di CO2 analizzate con sistema PEMS risultano le seguenti: nel caso della benzina 170 gr/km, contro i 154 gr/km dichiarati da FCA in fase di omologazione; per il metano, in analoga percorrenza, i gr/km rilevati sono 128.

Come si nota, segnalano le due aziende, la riduzione di CO2 è significativa sia riferita al test su strada sia riferita ai valori riscontrati in fase di omologazione, con un valore di 128 gr/km che risulta essere inferiore del 25% rispetto al funzionamento con benzina. Abbiamo stimato che anche con una percorrenza annua di soli 10.000 km possiamo ottenere una riduzione di 420 kg di CO2 emessa in atmosfera, che corrisponde alla quantità di CO2 assorbita da 20 alberi (in un contesto cittadino) in un anno. Con questi valori ci avviciniamo molto alla quarta fascia (fino 110 gr/km di Co2 emessa) che il Governo Italiano incentiva con Ecobonus per l’acquisto di auto nuove (rif. Decreto Agosto 2020).

La trasformazione in after market , concludono, è una possibilità concreta di riduzione delle emissioni che consente anche un notevole risparmio economico all’utente finale, ma è inoltre un’occasione importante di rilancio, anche post pandemia, per stimolare le attività produttive industriali ed artigianali nazionali: le aziende italiane che producono impianti a gas esportano in tutto il mondo prodotti nazionali e le  trasformazioni vengono effettuate da alcune migliaia di officine, ovvero piccole aziende artigianali che trarrebbero grande beneficio da una ripresa delle trasformazioni.

 

Com’è composto l’impianto?

  • Vano motore: installazione di kit Autogas Italia completo di parte pneumatica ed elettronica. La centralina di gestione del sistema gas dialoga con il sistema OBD originale del veicolo per ottimizzare la carburazione nel funzionamento a metano, analizzando e modificando se necessario la carburazione del sistema gas autonomamente.
  • Bagagliaio: installazione di 3 bombole, per una carica di metano corrispondente a circa 14 kg, sotto il piano di carico per poter mantenere il maggior volume possibile all’interno del bagagliaio stesso. Le attuali trasformazioni a metano sono sempre più improntate a questa tipologia di installazione che permette all’utente di disporre ancora di un importante volume di carico.
  • Presa di carica: nei tradizionali impianti a metano la presa di carica è spesso collocata all’interno del vano motore, mentre nelle ultime generazioni di sistemi viene posizionata nel vano dove è già presente il bocchettone per rifornirsi di benzina, cosi come avviene per le auto a metano prodotte di serie.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS