Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

14
Lun, Ott
Advertisement

Pericolo telefono

Sicurezza
Tipografia

Utilizzo di dispositivi elettronici alla guida. Oltre ad essere uno dei comportamenti più pericolosi, è anche fonte di parecchi guai.

L’art. 173 del Codice della Strada vieta le cuffie sonore e l’uso di un telefono che comporti l’uso della mano (destra o sinistra), ma anche se a viva voce (o dotato di auricolare) se il conducente è privo di adeguate capacità uditive. Pena una sanzione amministrativa da 160 a 646 € con la decurtazione di 5 punti, restituiti se, nei due anni successivi, il conducente non commette la stessa infrazione.

L’uso del cellulare è sanzionabile anche quando comporti la distrazione e l’impegno delle mani, come l’invio di SMS o la consultazione della rubrica telefonica. Divieti validi anche per le due ruote.

Esentati Forze Armate, Corpi di Polizia, e Corpi previsti dall’art. 138 del C.d.S.

È quindi necessario munirsi di apparecchiature viva voce ovvero usare l’auricolare singolo, non sulle due orecchie per non spostare le mani dal volante o manubrio.

Due di queste infrazioni nel biennio comportano la sospensione della patente da 1 a 3 mesi.

E se usa il cellulare alla guida il conducente di un autobus l’azienda può procedere con il licenziamento per giusta causa (sentenza 610/2018 del Tribunale di Teramo).

 

GLI INCIDENTI STRADALI IN ITALIA NEL 2017

Secondo gli ultimi dati Istat nel 2017, 174.933 incidenti stradali con lesioni a persone, in leggero calo rispetto al 2016, con 3.378 vittime (morti entro 30 giorni dall’evento) e 246.750 feriti.

Ma il numero dei deceduti torna a crescere (vs. 2016 +95 unità, +2,9%) dopo la riduzione registrata lo scorso anno.

Tra le vittime in aumento i pedoni (600, +5,3%) e i motociclisti (735, +11,9%), stabili gli automobilisti che hanno perso la vita (1.464, -0,4%).

Nell’Unione europea il numero delle vittime di incidenti stradali diminuisce, seppure in misura contenuta (-1,6% rispetto al 2016): complessivamente, sono state 25.315 contro le 25.720 del 2016. Ogni milione di abitanti, nel 2017 si contano 49,7 morti per incidente stradale nella Ue28 e 55,8 in Italia, che scende dal 14° al 18° posto della graduatoria europea.

Le violazioni più sanzionate: eccesso di velocità, mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza, uso del cellulare alla guida.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS