Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

27
Dom, Nov
Advertisement

L’eredità

Editoriali
Tipografia

Il Ministero della Transizione Ecologica ha reso noto il Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas naturale.

L’insieme delle misure di diversificazione, volte ad assicurare un elevato grado di riempimento degli stoccaggi per l’inverno 2022-2023 e a diversificare la provenienza del gas importato, consentirà, a partire dalla seconda metà del 2024, di ridimensionare la dipendenza dal gas russo e ridurre l’uso del gas in generale. 
Un rapporto delle Nazioni Unite denuncia che per la prima volta dalla sua creazione più di 30 anni fa, l’Indice di Sviluppo Umano è diminuito per due anni di fila, nel 2020 e nel 2021, tornando al livello del 2016
Un declino che riguarderebbe più del 90% delle nazioni, innescato dal Covid ed aggravato dalla guerra. Con cambiamenti climatici e transizione ecologica che premono.
In questo contesto ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte per un cambio di paradigma che potrà essere fatto proprio dalle nuove generazioni, vere protagoniste del futuro.
Sono sempre più numerosi i giovani che hanno a cuore la tutela dell’ambiente e del Pianeta, che tocca tutti gli ambiti della società globalizzata. Dal mondo del lavoro che richiede nuove professionalità a quello della ricerca le cui sfide si fanno sempre più intense, a quello della politica che ha il dovere di essere realista e responsabile. 
Come ha ricordato la cantautrice, conduttrice, direttrice d’orchestra e musicista Francesca Michielin, 27 anni, abbiamo vissuto per anni nella bambagia e nello spreco ma ora non possiamo più farlo. Sono tanti i gesti che si possono fare: da quanto stiamo sotto la doccia ai prodotti che usiamo. Non ci sono più scuse. 
Ci viene chiesto di contribuire al risparmio energetico secondo le disposizioni del citato Piano: abbassare di 1 grado la temperatura degli ambienti riscaldati, ridurre di 15 giorni il periodo di riscaldamento e di un’ora quello giornaliero. Indicate anche misure comportamentali virtuose a costo zero per limitare il consumo di energia: riduzione temperatura e durata delle docce, utilizzo anche per il riscaldamento invernale delle pompe di calore elettriche usate per il condizionamento estivo, abbassamento del fuoco dopo l’ebollizione, riduzione dell’accensione del forno, utilizzo di lavastoviglie e lavatrice a pieno carico, distacco della spina della lavatrice quando non in funzione, spegnimento o inserimento della funzione a basso consumo del frigorifero quando in vacanza, non lasciare in stand by TV, decoder, DVD, ridurre le ore di accensione delle lampadine. Proviamoci, piccoli sacrifici che faremo più volentieri se il prossimo Governo si dimostrerà all’altezza del molto difficile compito che lo aspetta.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS