Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

Sidebar

14
Tue, Jul
Advertisement

Partono in 671 Comuni gli incentivi per la trasformazione a gas

Politics
Typography

Per auto e mezzi commerciali, fino ad esaurimento dei (pochi) fondi disponibili…
A fine luglio ripartono, fino ad esaurimento fondi, le prenotazioni degli incentivi ICBI, Iniziativa Carburanti a Basso Impatto, campagna del Ministero dell’Ambiente per la promozione di GPL e metano per auto. Conosciuta anche come A Gas per l’Ambiente e sospesa dal 2012, è frutto di un Accordo di Programma tra lo stesso Ministero e una Convenzione tra Comuni, della quale Parma è Capofila.

Giovedì 28 maggio si era svolta proprio a Parma la Conferenza degli Assessori ICBI, all'ordine del giorno la proposta di nuovo Piano Operativo di Dettaglio al fine di rendere disponibili i fondi residui di oltre 1 milione e 800mila euro, suddivisi in due interventi, entrambi destinati alla trasformazione a GPL e metano.

Autoveicoli privati – Il primo intervento, di 1,5 milioni, riguarda la trasformazione a gas di veicoli Euro 2 e 3 immatricolati dopo il 01/01/1997 appartenenti a persone fisiche residenti nei 671 Comuni aderenti. Contributi: 500 € per il GPL e 650 per il metano, di cui 150 a carico delle officine di installazione.

Veicoli commerciali – Il secondo intervento, le cui risorse ammontano a 300mila euro, è destinato alla trasformazione dei veicoli commerciali leggeri inferiori a 3,5t (da Euro 2 in poi), sia quelli a benzina convertiti a GPL o a metano, sia quelli a gasolio trasformati in dual fuel diesel/GPL e diesel/metano. Delle agevolazioni – € 750 per il GPL e 1.000 per il metano – potranno usufruire le persone giuridiche con sede legale o operativa in un Comune aderente alla Convenzione ICBI. Il mezzo può essere di proprietà oppure in leasing.

Per ottenere l’incentivo – È necessario prenotare la trasformazione presso un’officina aderente all’iniziativa, la quale, dopo avere verificato su www.ecogas.it la disponibilità dei fondi e ottenuto il codice di prenotazione (che garantisce l’accantonamento del fondo), comunica al beneficiario quando potrà installare l’impianto a gas.

Il contributo, accantonato nell’ordine cronologico della prenotazione, viene detratto ed evidenziato in fattura come sconto sul prezzo della trasformazione dall’officina. Non è cumulabile con altre forme di agevolazione statali ma se previsto può andare a sommarsi a iniziative locali o private.

Sul sito del Consorzio Ecogas – www.ecogas.it (Incentivi/Incentivo ICBI 2015) – che contribuisce alla gestione operativa della campagna, sono consultabili le informazioni, gli elenchi dei Comuni e delle officine che hanno aderito, ove ci si può rivolgere per la conversione a gas usufruendo dell’incentivo statale. A disposizione anche il sito dell’Ufficio ICBI: icbi.comune.parma.it).

L’ultimo rifinanziamento – pari a 20 milioni – da parte del Ministero dell’Ambiente risale al 2005 e venne ufficializzato con la firma di un accordo di programma a Parma il 19 ottobre.

L’iniziativa è in fase di attivazione e la data esatta non è ancora disponibile, ma crediamo che i contributi si esauriranno in tempi record, come già avvenuto in passato.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Sign up via our free email subscription service to receive notifications when new information is available (signing up you accept our privacy policy).
Advertisement